MINISTERO DEL LAVORO E ISPEZIONI SULLA SALUTE E SICUREZZA

Incrementano i controlli e si rafforza l’attività di intelligence

Iintelligence da parte degli organi ispettivi del Ministero del Lavoro.

È quello che emerge dall’operato degli stessi organi ispettivi del lavoro svolto nel 2015 e illustrato dalla Direzione Generale per l’Attività Ispettiva durante la riunione della Commissione centrale di coordinamento dell’attività di vigilanza. L’attività degli ispettori, come riporta il sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, mostra un aumento delle ispezioni che sono state 5000 in più rispetto al 2014. Circa 142mila sono risultati gli accertamenti al 31 dicembre 2015 e 145.697 le aziende ispezionate. Gli illeciti riscontrati, in materia di lavoro e legislazione sociale o di salute e sicurezza sul lavoro sono stati quasi 86mila. In aumento rispetto all’anno precedente è il tasso di irregolarità riscontrate che pare coinvolgere più del 60% delle aziende ispezionate. Oltre all’incremento dei controlli appare chiaro anche un inasprimento della lotta al caporalato che ha fatto accertare ed emergere 713 fenomeni ad esso riconducibili.

Più di 32mila sono le violazioni riscontrate in generale in materia di salute e sicurezza sul lavoro, che crescono di un punto percentuale rispetto all’anno precedente.  In crescita anche il numero dei lavoratori irregolari per i quali sono stati fatti accertamenti durante le verifiche del 2015. Sono stati registrati 78.298 lavoratori irregolari a fronte di 73.598 riscontrati nel 2014.

In materia di salute e sicurezza sul lavoro, per quel che compete al Ministero, nel 2015 sono state segnalate nello specifico 27.253 violazioni prevenzionistiche e altre violazioni di carattere tecnico. In aumento anche il tasso di irregolarità.

Leave a Reply